leggo per te

"Io dico per te luna, io dico per te sole, Io chiamo per te il mondo con le mie poche parole…" (Bruno Tognolini)


Lascia un commento

L’amicizia è… una cioccolata calda per l’anima

Ci sono storie che arrivano al momento giusto. Ad esempio, capitano fra le mani in quei lunghi giorni d’inverno, freddi e tersi, in cui le albe e i tramonti hanno colori indescrivibili. Giorni e notti in cui si sta così bene al calduccio, sotto le coperte, con un buon libro. Magari, c’è anche un’influenza stagionale da sopportare: si sa, le belle letture aiutano a farla passare prima…

Questa è una storia che arriva dal Nord, dove il gelo è una cosa molto seria. E del Nord ha il sapore e lo stile: sobria eleganza, atmosfere “lindgreniane” che pullulano di bambini vispi e creativi, nitore poetico.

Questa è la storia di Stìna. Siete infreddoliti, un po’ raffeddati, annoiati? Sedetevi, prendete una tazza di cioccolata (se avrete pazienza, Stìna vi svelerà la sua ricetta speciale, la migliore che abbiate mai assaggiato) e assaporatela insieme a me.

 

capture1

capture3
Per ingannare il freddo, che proprio non riesce a sopportare, Stìna le inventa tutte. Muffole scaldatazza, berretti scaldateiera, frigorifero doubleface. Inganna il tempo lavorando a maglia (anche senza ferri… alla fine del libro scoprirete come si fa!) e preparando leccornie (un’ottima scusa per tenere il forno sempre acceso!).
All’inizio, quasi non si accorge dei bambini che giocano fuori. Poi, li scorge dalla finestra. Ma come faranno a resistere?!!

capture2

capture2 - Copia

 

Nel frattempo, i giorni si fanno sempre più gelidi e scuri. Di uscire no, non se ne parla…

 

capture4

 

… sino al momento in cui qualcuno non bussa alla porta.

 

capture5

I due ragazzini portano davvero “una ventata di novità” nella casa e nella vita di Stìna. Lei non se ne rende subito conto, ma fra canti, giochi e chiacchiere…

capture6

… forse c’è “qualcosa” in grado di scaldarci veramente, nel profondo di noi stessi.
E Stìna comincia a pensare.
E a cambiare.

Non vale la pena sprangare la porta di fronte all’Amicizia. Alla vita che ci aspetta, fuori.

capture8

capture8 - Copia

Le lezioni antifreddo di Stìna è l’opera con cui Lani Yamamoto, scrittrice americana-islandese ha esordito nel panorama della letteratura per ragazzi. Grazie a questo libro è  stata nominata per il Premio del Consiglio Nordico per la letteratura infantile, nel 2014.

Le tavolozze dominanti sono quelle, appunto, dei colori freddi. Tutto, dal carattere del testo alle linee che tratteggiano le figure, emana una garbata frugalità. Nella loro moderna essenzialità, le illustrazioni richiamano un sentore più antico, come la Pippi di Ingrid Vang Nyman che prepara le frittelle per Tommy e Annika in Villa Villacolle, o i simpatici visini dei bambini-folletto di Elsa Beskow. Ne deriva un tratto personalissimo, che attinge dalla tradizione nordica, avvolgendola con un gusto contemporaneo e frizzante. Il calore dell’amicizia, il significato profondo della trasformazione di Stìna che impara a superare le proprie paure, qui non conoscono alcuna declinazione sentimentalistica. La conquista della ragazzina sta tutta lì, in quell’immagine in chiusura, quando la vediamo in mezzo alla neve, dolcemente infantile e furbetta al tempo stesso, mentre cerca di prendere i fiocchi con la lingua.

La storia di Stìna, pubblicata in lingua originale per i tipi di Crymogea, casa editrice di Reykjavik, è giunta in Italia – tradotta da Sara Ragusa – grazie a Terre di Mezzo Editore, una casa che da anni si distingue per l’originalità e la varietà del suo catalogo. Visitando il sito, potete anche sfogliare le prime pagine del libro.

capture7

PS
Per gli amanti della cioccolata calda: se proverete la ricetta di Stìna, che potrete trovare alla fine del libro, fatemi poi sapere cosa ne pensate 😉


Lascia un commento

La città che sussurrò

capture6

Durante la Seconda Guerra Mondiale, gli abitanti di Gilleleje, un villaggio danese di pescatori occupato – come il resto del paese – dai nazisti, nascose alcuni ebrei in fuga verso la Svezia, rimasta neutrale. In una buia notte senza luna, per guidare i fuggiaschi verso il porto e, quindi, verso la salvezza, gli abitanti sussurrarono dalle soglie delle loro case la giusta direzione da seguire. La città che sussurrò, vincitore del Premio Andersen 2015 per la categoria “Miglior Libro 6/9 anni”, prende ispirazione da questa storia di coraggio e generosità.

capture1

La Giuntina
è una casa editrice che mi è particolarmente cara. Nacque nel 1980 dando alle stampe La notte, la toccante testimonianza di Elie Wiesel sulla propria deportazione ad Auschwitz. Attraverso un catalogo di raro pregio, La Giuntina prende le mosse dalla cultura ebraica, con le sue mille sfaccettature, per trattare temi universali. Ciò che mi ha colpito de La città che sussurrò, oltre alla delicatezza e profondità della vicenda narrata, è lo sguardo sull’umanità e sulla quotidianità dei personaggi che animano il libro. Si tratta, infatti, di persone – adulti e bambini – che scelgono il bene senza eroismi, né gesti plateali, ma si sforzano di attuarlo giorno per giorno, condividendo quello che possiedono. Mi hanno fatto ricordare la leggenda dei 36 giusti che, secondo il Talmud, ad ogni generazione salvano il mondo. Gli abitanti di Gilleleje, con gesti davvero semplici – il dono di una pagnotta, o di un libro, o… di un sussurro, appunto – ci mostrano come la solidarietà si costruisca attraverso tanti piccoli contributi e che ciascuno, se lo vuole, può fare la sua parte.

capture2
Jennifer Elvgren, l’autrice del testo, ha iniziato la sua carriera come giornalista e, dopo la nascita dei suoi figli, ha iniziato a scrivere anche per i bambini. Fabio Santomauro è un giovane illustratore italiano che, fra l’altro, ha generosamente prestato la sua opera per realizzare alcuni pannelli decorativi presso il reparto di Oncologia Pediatrica del Gemelli. Per conoscerlo meglio, vi rimando alla bella intervista pubblicata sul blog dell’Associazione Leggere Insieme… Ancora! Il suo è uno stile fresco e dinamico che richiama quello tipico delle graphic novel e restituisce – con pochi tratti e una ben misurata cura dei dettagli – l’emotività dei personaggi, ma sempre in maniera garbata. Nonostante la complessità del tema trattato, parole e immagini dialogono fra loro con equilibrio, senza accenti drammatici, e suggeriscono determinazione, sensibilità, fiducia.

capture3

 

capture4
La famiglia di Anett nasconde nella propria cantina Carl e la sua mamma. I due bambini stringono amicizia e condividono i libri preferiti (e mi piace che in una storia come questa si sottolinei anche il potere salvifico dei libri!). Quando Anett si reca a fare la spesa o in biblioteca, le basta accennare a bassa voce della presenza di “nuovi amici” in casa per ricevere dei doni per loro. Non appena giunge la notizia di una retata nazista ormai prossima, il villaggio si appresta a consentire agli ebrei di mettersi in salvo, raggiungendo il porto. Purtroppo la notte è nuvolosa e buia, pertanto è molto difficile non sbagliare strada… E’ proprio Anett a trovare uno stratagemma: la gente avrebbe dovuto restare accanto alle porte delle proprie case e, al passaggio della famiglia in fuga, sussurrare la direzione giusta. E così fu.

Un testo particolarmente adatto, grazie al suo equilibrio, per affrontare il tema della Shoah nelle scuole.

capture5

Qui il booktrailer del libro e qui la scheda sul sito de La Giuntina.


Lascia un commento

Emozioni di carta e non solo

Il Premio Andersen a Genova è sempre un appuntamento speciale, un misto fra piacevole consuetudine e sorpresa per gli occhi e per il cuore.

La sera del venerdì abbiamo iniziato con lo spettacolo di Live painting di Alessandro Sanna (l’Autore che è stato il tema della mia tesi di laurea) al teatro Altrove.  Sabato, alla premiazione, mi sono emozionata grazie ai protagonisti e alle storie di Radio Magica e del Centro Culturale Cascina Grande, alla simpatia delle libraie di Cuccumeo di Firenze, alle parole di Gianna Vitali, la moglie di Roberto Denti, la quale ha chiesto a tutti noi di ricordare il marito con allegria.

dedica

Poi, tanti tanti bei libri!

Oggi invece, su Le Nuove Mamme, troverete un libro che ha vinto il Premio Nati per Leggere 2014: Crictor, il serpente buono, del talentuoso Tomi Ungerer. Stupende davvero le illustrazioni, di una eleganza squisita. Buone letture a tutti!


1 Commento

Premio Andersen

Una canzone da orsi” di Benjamin Chaud ha vinto il Premio Andersen per la categoria 0-6. Ne ho parlato qui la scorsa settimana!
Anche “Fiume Lento“, capolavoro di Alessandro Sanna, si  aggiudicato il premio. Abbiamo dedicato un post a quest’opera raffinata e incantevole lo scorso inverno: potete rileggerlo qui.

Sabato 24 maggio ci sarà la premiazione al Museo Luzzati e non vedo l’ora di andarci!


4 commenti

Aspettando il Premio Andersen e non solo…

DSCN8277
Aspettando il Premio Andersen, ci tuffiamo in storie nuove, scoprendo lo stile e la maestria di artisti illustratori. Nella foto, “La Prima volta che sono nata” di Vincent Cuvellier e Charles Dutertre, “La vita segreta dell’orto” di Gerda Muller e “Una canzone da orsi” di Benjamin Chaud sono tra i  finalisti per il noto riconoscimento dedicato al mondo delle letteratura per l’infanzia. “Crictor” di Tomi Ungerer ha vinto il Premio Nati per Leggere, mentre “L’innaffiatoio” di Erika Cunja è una piccola scoperta fatta per caso, una storia dai toni sognanti sulla creatività.

Ironia e tenerezza; tratti moderni, essenziali, e altri dal gusto più rétro, minuziosi ed eleganti. Gli ingredienti ci sono tutti per leggere insieme, grandi e piccini, e ritagliarsi momenti destinati a imprimersi nella memoria.

 


3 commenti

Storie di orsi

??????????

Da tempo desideravo questo albo illustrato da Quentin Blake, La casa invernale dell’orso. Ora che lo posso sfogliare… non ne sono rimasta affatto delusa! Le coloratissime immagini sono allegre, dinamiche, ma anche delicate. Le tinte autunnali – le mie preferite – sono calde, vivide… incantevoli.

??????????

La storia di John Yeoman è semplice (la semplicità, intesa come chiarezza e sobrietà, è una grande qualità) e spiritosa. L’orso si costruisce una comoda tana per l’inverno, ma i suoi amici “poco previdenti” lo prendono in giro. Sino a quando non arriva il freddo e…
Grazie a Camelozampa per averlo pubblicato insieme a Il picnic acquatico dell’orso.

Su Orso ha una storia da raccontare, edito da Babalibri (casa editrice sinonimo di qualità), avrete forse già letto la bella recensione di mammamogliedonna, un’altra mamma appassionata lettrice!

??????????

In questo albo troviamo i delicati acquarelli di Erin E. Stead (il testo è di Philip C. Stead). Questa coppia di sposi-artisti è già nota per Il raffreddore di Amos Perbacco. Le illustrazioni creano un’atmosfera così rasserenante e la figura dell’orso è talmente affabile che è impossibile non innamorarsene! Anche qui siamo alle porte dell’inverno e l’orso, prima di andare in letargo, vorrebbe raccontare una storia ai suoi amici…

??????????

I quali però sono tutti alle prese con gli ultimi preparativi prima dell’arrivo della stagione fredda (oppure sono già rintanati al calduccio, come la talpa!). Notare la bellezza di questa illustrazione verticale. Mi piacciono i libri che non si sfogliano solo per un verso, i libri da rigirare fra le mani, con parole e immagini che vanno oltre i “soliti” confini. Anche l’impaginazione contribuisce a creare il movimento e la profondità… e non è affatto banale far notare questi dettagli ai piccoli lettori (i quali sono ottimi osservatori).

??????????

Orso e i suoi amici si ritroveranno l’anno successivo, sotto al cielo stellato della primavera, pronti ad ascoltare il racconto… ma sul più bello…
Questo è un album ciclico dove, cioè, la fine si ricongiunge all’inizio. Piacerà molto ai bambini che cominciano a ragionare sul tempo, le stagioni, l’attesa. Perfetto da leggere in questi giorni di Avvento!

Quando ho pubblicato la foto delle “storie di orsi” sulla nostra pagina Facebook, l’amica Miss Meletta ci ha ricordato un altro albo con protagonista un orso (anzi, due): Sogni d’oro piccolo orso, edito da un’altra casa editrice che è bene “frequentare” spesso: la Nord-Sud Edizioni!

DSCN7461

Piccolo Orso vuole diventare indipendente… e Grande Orso sa che è giusto assecondare questo suo desiderio…

??????????

Del resto, qualsiasi cosa succeda, Grande Orso ci sarà sempre per lui… non molto lontano da lì…

??????????

Una storia tenera per cuccioli (e genitori!) che si trovano a vivere una stagione di cambiamenti, magari il primo vero “distacco”.

Ho lasciato per ultimo l’albo unanimamente considerato un capolavoro: A caccia dell’orso di Michael Rosen, illustrato da un’artista di grande maestria: Helen Oxembury. Questo libro è costruito in maniera impeccabile.

??????????

Una famiglia parte per una grande avventura. Ogni “capitolo” di questo viaggio è scandito da un canto, una filastrocca che si ripete.

??????????

La “preparazione” è sempre in bianco e nero, come se si volesse rendere “neutra” l’attesa, creando suspence per quello che sta per accadere.

Infatti, sorpresa e stupore ci aspettano nella pagina successiva…

??????????

La mamma, il papà e i bambini si tuffano nel vivo della ricerca. Allora è tutta un’eplosione di colori, ma anche di suoni onomatopeici! Uno spasso da leggere ad alta voce: il divertimento dei bimbi è assicurato! Il ritmo è incalzante, il ritornello che si ripete si presta ad essere cantato con il coinvolgimento di tutto il corpo…
Sino a quando non ci si imbatte per davvero nell’orso… e allora… bisogna correre al riparo!

??????????

Se si resta insieme, aiutandosi a vicenda, nulla è troppo difficile. La storia è una meravigliosa metafora della vita. Un racconto ideale per trasmettere il calore che solo una famiglia può dare e per far sentire ciascun membro importante.

Sono tutti libri che consigliamo di cuore! Buone letture e buon divertimento!!